• Escursionismo Estivo

* IN ATTESA DI AUTORIZZAZIONE DA CAI SEZ.TORINO * Lago Afframont (SABATO)


afframont-19238.jpg

Descrizione

Facile e breve escursione che permette di raggiungere uno dei laghi più ameni della Val d'Ala, esempio di bacino a sbarramento morenico: ai lati della conca sono ben evidenti i residui detritici del ghiacciaio.

 

UET Organizza sabato 08 maggio 2021

Lago di Afframont

Val D’Ala

Località di ritrovo : nel parcheggio presso lo stabilimento delle acque minerali Pian della Mussa

Orario di partenza dell’escursione: 9.00

Orario di ritrovo : 08.30                                                      

Dislivello: 576 m         

Difficoltà : E                             

Tempo di percorrenza:   circa 2.30/3.00 h   

Equipaggiamento:                    

La gita si svolge su sentiero segnalato. Sono indispensabili: pedule o     scarponi efficienti, pantaloni lunghi, pile, giacca a vento, mantella o ombrello in caso di maltempo, cappello, occhiali da sole, crema solare, zaino, borraccia. Utili i bastoncini telescopici.

Punti acqua lungo il percorso: è presente una fontana nel parcheggio                                 

Mezzi di trasporto: auto proprie        

Iscrizioni:                                  

entro il mercoledì precedente la gita – tramite mail al seguente indirizzo di posta elettronica: partecipazionegiteuet@gmail.com indicando nell’oggetto della email    «Richiesta partecipazione alla gita UET del gg/mm/aaaa» “ 

A seguito delle disposizioni CAI, introdotte per affrontare l’emergenza da covid-19 al fine della ripresa delle attività in sicurezza, ciascun socio che intenda partecipare alle gite è tenuto a:

-  prendere visione delle note operative per i partecipanti;

- compilare il modulo di autodichiarazione e consegnarlo al capogita,  il giorno dell’escursione, prima della partenza;

- portare con se mascherina e disinfettante come previsto dalle normative.

Poiché le nuove disposizioni prevedono forti limitazioni nel numero delle persone ammesse all’uscita, per poter partecipare è necessario attendere una e-mail di autorizzazione. Nel caso di mancata ricezione, contattare il sabato mattina, precedente l’escursione, uno degli accompagnatori. 

Documentazione e modulo di autodichiarazione:

https://www.cai.it/wp-content/uploads/2020/06/PROTOCOLLO-per-Partecipanti.pdf

https://www.cai.it/wp-content/uploads/2020/06/autocertificazione_5062020.pdf

Costi:                                          3 euro(spese organizzative)

 

Accompagnatori:                      Traversa Giovanna Vera (ASE-ORTAM)

                                                    Motrassini Luca (AE/EAI)

                                                    Griffone Franco (AE/EAI)

                                                    Santoiemma Carlo (ASE)

                                                    Mauro Zanotto (aa)

Cartografia:                               IGC n. 2                                                       

Descrizione della gita:

Una delle escursioni più interessanti inizia nei pressi dello stabilimento dell'acqua minerale Pian della Mussa, in frazione villaggio Albaron, che porta al Lago Afframont, uno specchio d'acqua circondato da pini e abeti. Vicino alla sciovia Sauzè, si trova una stradina sterrata che dopo pochi metri si immette in un largo sentiero ben agibile.

Dopo aver percorso una decina di metri, si dovrà abbandonare l'ampia pista per prendere un altro piccolo sentiero sulla destra, contrassegnato da una freccia rossa su un masso, che si inoltra dentro al bosco, dove si incontreranno subito delle caratteristiche sculture in legno molto suggestive.
Con una buona mezz'ora di cammino, sorpassati diversi ripidi tornanti, ci si ritroverà poi in una radura in cui scorre un ruscello, poco agibile in primavera quando la neve si è appena sciolta ma di facile accesso in estate o in autunno inoltrato. Superato il guado, è importante svoltare a destra, sempre senza perdere di vista i segni rossi sui tronchi degli alberi, per risalire fino alla costruzione dell'alpe Roc Piat, a quota 1635 mt.

Qui il sentiero prosegue tortuoso, tornante dopo tornante sul crinale della montagna, e a ogni curva il paesaggio si spalanca davanti alle montagne e si rivela più affascinante, regalando grandi emozioni per l'anima. Passo dopo passo, si giunge così all'alpe Pian della Ciavanna, a quota 1787 metri.

A questo punto, manca davvero poco, giusto qualche breve tratto di fitta vegetazione e alcuni strappi per superare la balza rocciosa che regge il lago e che punta in direzione di una cascata, al Pian del Lago: ed eccoci finalmente sulle sponde dell'incantevole Lago Afframont.
La visuale qui è come un incantesimo: ci si accorge di essere in un luogo speciale, primordiale, e si percepisce come ogni cosa è sempre connessa al 'tutto'. Un paradiso che regala a ogni sguardo, panorami unici e allo stesso tempo differenti.

Si fa presente che il raggiungimento della meta terrà conto delle condizioni meteo del momento e sarà deciso ad insindacabile giudizio degli accompagnatori.


Back to top